facebook


 

Mireille Havet - DIARIO 1918-1919
Traduzione di Emanuela Schiano di Pepe

Editoria e Spettacolo ha il piacere di presentare la traduzione italiana del primo tomo dell'imponente Journal di Mireille Havet (Edizione francese Claire Paulhan).
1918-1919: la petite poyétesse ha vent'anni e nelle pagine del suo diario sono raccontati i giorni dell'Armistizio, la perdita dell'amico Guillaume Apollinaire e una vita di dannazione e stordimento negli anni folli di Parigi, al fianco di amici come Jean Cocteau, Colette, Paul Fort...

Primo volume della collana Ofelie, dedicata alle traduzioni in bilico tra vita e letteratura. Scritture sommerse, le cui pagine formano la mappa di ambienti e relazioni e tracciano i contorni di alcune zone della cultura del Novecento.

Collana a cura di Samantha Marenzi

Partire, non appena la Pace sarà firmata e la vita avrà ripreso il suo corso, partire a mia volta nel mondo, per la semplice ragione che sarebbe troppo dolce rimanere! Il prossimo autunno avrò 21 anni, e il tempo della mia libertà sarà trascorso. Bisognerà quindi partire, per non restare impigliata fin da subito nei meandri di Parigi [...]

     


Guillaume Apollinaire, Antonin Artaud, Jacques Audiberti, Ferdinand Bac, Marc Bernard, Rachel Bespaloff, Jean-Richard Bloch, Marguerite Bloch, Joe Bousquet, Henri Calet, Albert Camus, Gaston Chaissac, Paul Claudel, Jean Cocteau, Jacques Copeau, Paul Desjardins, Paul Eluard, Félix Fénéon, Jean Follain, Andre Gide, Jean Grenier, Bernard Groethuysen, Mireille Havet, Helene Hoppenot, Georges Hyvernaud, Pierre Jean Jouve, Valery Larbaud, Michel Leiris, Jean Jose Marchand, Roger Martin du Gard, Darius Milhaud, Georges Navel, Jean Paulhan, Georges Perros, Catherine Pozzi, Jehan Rictus, Isabelle Riviere, Jacques Riviere, Armand Robin, Marcel Sauvage, Ludmila Savitzky, Andre Spire, Jules Supervielle, Henri Thomas, Paul Valery, Jean Wahl